Capasanta - Live in Mestre

Capasanta Live in Mestre

Peccati di gioventù

Erano i primi anni del nuovo millennio, quelli che aspettavamo da bambini per vedere finalmente gli extraterrestri fra di noi, correre per le strade con lo skateboard volante oppure per passare le vacanze estive sulla Luna. E invece la cosa più eccitante che ci è capitata è stato produrre un album di canzoni inedite, che è rimasto un episodio isolato, un unicum nel mondo della discografia italiana.

Adesso, dopo oltre vent’anni, abbiamo deciso di mettere a disposizione di tutti il nostro capolavoro. Non solamente potete ascoltarlo in streaming, ma se toccate l’icona vicino al titolo, potete anche vedere il testo completo (e cantare a squarciagola)!

1. Da Domani Si Cambia

Basta co le festine Hollywoodiane
basta co le morose americane
basta co cheeseburgy e patatine
basta, da doman solo vitamine.

Qua se trata de rimetter la testa a posto
evitando de ‘ndar casa sempre rosto
de sta vita ormai mi me sò proprio roto
voio darghe una bota al scuèoto.

Da domani si cambia
è arrivata la svolta
e te giuro stavolta
mando tuti a cantar.

Basta ai risvegli col Martini
voio caffelatte e pasticcini
basta, finalmente ‘na minestra
basta, da doman vado in palestra.

È arrivato il momento della svolta
di tornare ad esser quelli di una volta
senza eccessi, come fa la brava gente
divertirsi anche non facendo niente.

Da domani si cambia
è arrivata la svolta
e te giuro stavolta
mando tuti a cantar.

2. No Stame Tocar

Te lo digo co le bone
ma no ti capissi
tien ferme quele man
ti me infastidissi.
No so cossa farte
se te fa star mal
mi no me inacorzo
me vien natural.

No ghe xè niente da far
no ne resta che cantar.
Fame un piasser
no stame tocar
me da fastidio
no stame tocar.

No so se dipende
dala testa col sfrato
ma dei cinque sensi
ti usi solo el tatto.
Alora a ‘sto punto
mi taser no posso
che ti co ti parli
ti spui sempre ‘dosso.

No ghe xè niente da far
no ne resta che cantar.
Fame un piasser
no stame tocar
me da fastidio
no stame tocar.

Insomma ne urta
la gente che toca
podemo far un strapo
se xè ‘na gran …

No ghe xè niente da far
solo le fie ne pol tocar.
Oui mon amour
tochime pur
Vieri, Recoba
Hakan Sukur.

3. Peoco

Sò restà peoco in testa
co la melona tuta lustra
el mio sogno farme rasta
sò restà peoco e basta.

Peoco – Chi mi? No
Ti xè peoco – Chi mi? No
Peoco – Chi mi? No
E sempre ti lo sarà.

Sò restà peoco in testa
e mi ‘sto fato, fioi, me frustra
i gò butai a sinistra e destra
xè tuto qua quelo che me resta.

Peoco – Chi mi? No
Ti xè peoco – Chi mi? No
Peoco – Chi mi? No
E sempre ti lo sarà.

Sì però quanto xè che ti va ‘vanti
parchè ti ti ghe n’ha tanti
mi voria vederte ti.
Sì però sè un pocheto esagerati
prova ti a ‘ndar via in ‘sti stati
mi me meto un bel paruchin.

Gò prova co shampi e infusi
i m’ha fato la testa a busi
le frision par rinforsarte
‘na seduta cento carte.

Gò pensà a farme el trapianto
ma co gò visto i schei gò pianto
un rimedio se prospeta
far ‘l cantante de Heavy Metal.

Sì però quanto xè che ti va ‘vanti
parchè ti ti ghe n’ha tanti
mi voria vederte ti.
Sì però sè un pocheto esagerati
prova ti a ‘ndar via in ‘sti stati
mi me meto un bel paruchin.

4. L'università

La Susi s’ha sposà
Antonio ormai lavora
de la vecia classe mia
solo mi no ghe ne vado fora.

Zà mezo peocheto
gò quasi trentun’ani
e su sto bel libreto
manca ancora nove esami.

Mio pare povareto
mia mare disperada
no so cossa che i speta
par butarme fora in strada

Sò l’eterno fora corso
co i problemi esistenziali
vedo tuti fighi e bei
colti richi e realizai.

No gò mai sercà un lavoro
sò in analisi da do ani
se no togo ala sera et Tavor
me remeno e xè malani.

Mi no gò mai ciapà un 30 all’università.
Mi no gò mai ciapà un 30 all’università.

Cerimonie e anniversari
che no vado xè sie ani
par i parenti sò spario
par i amighi sò partio.

Co me movo par la strada
vardo sempre chi che passa,
che un parente o ‘na cugnada
o altra gente che me scassa

mi co i vedo vegnir ‘vanti
tiro quatro moccoli ai santi,
me fico zò la bareta
me scondo drio in caleta.

Che so stufo co ti li incontri
da passar par deficiente
parchè questi xè fissai
i vol tuti laureai.

Po’ del tempo e dele vacanse
no ghe ne frega niente
la domanda sua sarà:
“Ma ti te gà laureà?”

Mi no gò mai ciapà un 30 all’università.
Mi no gò mai ciapà un 30 all’università.

5. La Mossa Dela Capasanta

È stata proprio una bellissima serata – Anche per me.
E ti ringrazio per avermi accompagnata – Oh figurati, dovere.
Magari poi tra qualche giorno ci sentiamo – No, no la pol finir cussì!

L’unico modo parchè me la vanta
ghe fasso la mossa dela Capasanta:
allungo un brasso verso del muro
mentre co staltro sula cintura la tegno duro.

Però a ‘sto punto, par evitar che ela me scampa
la bloco subito metendo avanti la gamba
‘desso la xè in gabia, dove vustu che la vada
tra do secondi la go già basada.

Ghe fasso la mossa dela Capasanta
Capa-Capa-Capasanta
ghe fasso la mossa dela Capasanta
cussì no la se move più.

Capa-santa
Capa-Capa-Capasanta
Capa-santa
cussì no la se move più.

6. I Mussati

Scusa, ma so tuta ‘na becada
me sò fato in carne viva, dala spissa, oh yeah
sò tuto un tavaron.

Gò provà co le zanzariere
le ga costà più de un milion
che popò de infumegada
co tacavo el zampiron.

Ghe xè el muro pien de sangue
gnanca fusse un assassin
gò copà domile mussati
co le savate e el Gazetin.

Alora scusa, ma ‘sti bastardi de mussati
i ne fa deventar mati, de note, oh yeah
no sò più bon de dormir.

Gò tacà ‘na machineta
anca in camara del fio
ma i lo beca anca de note e in più
el se sveia insemenio.

Se savessi quante noti
che me so sveià incassà
pa ‘ndar caccia de mussati
col sugaman bagnà.

Alora scusa, ma ‘sti bastardi de mussati
i ne fa deventar mati, de note, oh yeah
no sò più bon de dormir.

Alora passime l’Autan
passime l’Autan
passime, passime, passime l’Autan.

7. Don't Touch Me/No Stame Tocar I°

Te lo digo co le bone
ma no ti capissi
tien ferme quele man
ti me infastidissi.
No so cossa farte
se te fa star mal
mi no me inacorzo
me vien natural.

No ghe xè niente da far
no ne resta che cantar.
Fame un piasser
no stame tocar
me da fastidio
no stame tocar.

No so se dipende
dala testa col sfrato
ma dei cinque sensi
ti usi solo el tatto.
Alora a ‘sto punto
mi taser no posso
che ti co ti parli
ti spui sempre ‘dosso.

No ghe xè niente da far
no ne resta che cantar.
Fame un piasser
no stame tocar
me da fastidio
no stame tocar.

Insomma ne urta
la gente che toca
podemo far un strapo
se xè ‘na gran …

No ghe xè niente da far
solo le fie ne pol tocar.
Oui mon amour
tochime pur
Vieri, Recoba
Hakan Sukur.

8. Don't Touch Me/No Stame Tocar II°

Te lo digo co le bone
ma no ti capissi
tien ferme quele man
ti me infastidissi.
No so cossa farte
se te fa star mal
mi no me inacorzo
me vien natural.

No ghe xè niente da far
no ne resta che cantar.
Fame un piasser
no stame tocar
me da fastidio
no stame tocar.

No so se dipende
dala testa col sfrato
ma dei cinque sensi
ti usi solo el tatto.
Alora a ‘sto punto
mi taser no posso
che ti co ti parli
ti spui sempre ‘dosso.

No ghe xè niente da far
no ne resta che cantar.
Fame un piasser
no stame tocar
me da fastidio
no stame tocar.

Insomma ne urta
la gente che toca
podemo far un strapo
se xè ‘na gran …

No ghe xè niente da far
solo le fie ne pol tocar.
Oui mon amour
tochime pur
Vieri, Recoba
Hakan Sukur.

Capasanta - Live in Mestre

Registrato dal vivo nelle due serate di Giovedì 12 e Venerdì 13 aprile 2001 al Teatro Toniolo di Mestre. Mixato da Cristiano Verardo al Waterland Music Studio-Venezia. Arrangiamenti strumentali: Andrea D’Alpaos con la “Spuma Band”. Arrangiamenti vocali: Andrea D’Alpaos. Masterizzazione: Franco Cufone. 1- Da domani si cambia ( A. D’Alpaos) 2:51 2- No stame tocar! (A. D’Alpaos) 2:17 3- Peoco (A. D’Alpaos) 5:03 4- L’università (A. D’Alpaos) 2:17 5- La mossa dela capasanta (A. D’Alpaos) 3:06 6- Mussati (A. D’Alpaos) 4:10 7-8- Don’t touch me!/No stame tocar! (A. D’Alpaos) 3:55 – 3:51 I Joy Singers “live alle prove” in omaggio a Carlo&Giorgio Se qualcuno pensasse: Che bravi Carlo e Giorgio sono anche musicisti…” ecco … sic- come di musica non ne capiamo niente …e non solo di musica… abbiamo affidato al Maestro (sì, ma di scuola!) Andrea D’Alpaos l’impossibile incarico di far diventare canzoni tutta l’accoz- zaglia di bueae (ndr: sciocchezzuole) partorite dalle nostre menti in tanti anni di malsano cabaret… lo diciamo per correttezza e fondamentalmente per mettere le mani avanti… capio? … Buon divertimento. AVVERTENZE: C&G Nel caso la musica di questo CD vi provocasse tremendi ed imprevedibili effetti collaterali sapete chi andare a cercare sotto casa. Questo CD è utilizzabile anche come sottobicchiere per birra, paletta per stuccare piccole fes- sure sul muro, minivassoio per antipastini, tiro al piattello indoor o per bloccare tavole e scrivanie traballanti. ATTENZIONE!!! Non usare MAI, ma proprio MAI questo CD durante l’atterraggio su pianeti di altri sistemi solari… me raccomando, che no ve capita come quel nostro amigo che….. e poi non dite che non vi ave- vamo avvisato! Durata totale 27:30 ℗ e © 2001 Associazione Culturale LA BACCHETTA MAGICA

Copyright © 2023 Carlo & Giorgio | PI 03869310270 | Privacy & Cookies

Copyright © 2023 Carlo & Giorgio | PI 03869310270 | Privacy & Cookies